In    questi    ultimi    anni    caratterizzati,    in    campo    agonistico,    da    un    sempre    crescente    numero    di      competizioni   e   gare,   vuoi   per   motivi   economici   che   per   ragioni   televisive,   che   poi   alla   fine   è   la   stessa   cosa,   si   è reso   necessario   un   massaggio   del   tutto   particolare,   per   evitare   che   i   muscoli   degli   atleti,   per   colpa   delle continue   e   frequenti      sollecitazioni,   ma   in   particolar   modo   per   il   fatto   di   essere   sempre   più   ravvicinati   nel tempo, possano essere soggetti a traumi. Questo   massaggio   è   molto   diverso   da   quelli   che   solitamente   si   eseguono   per   favorire   i   recuperi   durante gli   infortuni,   tanto   è   vero   che   vengono   praticati   da      professionisti   diversi,   con   differenti      competenze.   Per   una lesione   muscolare,   per   uno   stiramento   o   anche   per   un   strappo,   è   necessario   l’intervento   di   un   fisiatra,   di   un ortopedico   o   di   un   medico   dello   sport.      Infatti,   non   si   tratta   di   un   massaggio   compatibile   con   una   immediata ripresa   agonistica   dal   momento   che   i   tempi      di   guarigione   delle   lesioni   muscolari   sono   mediamente   lunghi   3 settimane,   ma   di   un   massaggio   profondo,   tendente   a   separare   le   fasce   muscolari,   a   risolvere   le   lesioni conseguenti, per esempio, ad uno strappo. Il    massaggio    sportivo,    invece,    è    diverso    e    si    avvale    di    diverse    tecniche    quali    il    frizionamento,      sfioramento,   vibrazione,   percussione   ed   altre   ancora.   In   effetti   la   si   potrebbe   definire   quasi   una   scienza nuova, dal momento che ha avuto un grande impulso, come detto in precedenza, in questi ultimi anni. Del   resto,   basta   prendere   in   considerazione   il   campionato   di   calcio   in   Italia   che      vede   sempre   più   spesso lo   svolgimento   di   gare   ogni   tre   giorni,   competizioni   che   devono   sempre   essere   di   un   certo   livello,   per   cui   le sollecitazioni   muscolari   sono   tante   e   tali   che,   senza   una   adeguata   preparazione   e   senza,   appunto,   i   massaggi sportivi, sarebbero di fatto impossibile. Ma   anche   per   altri   sport   vale   lo   stesso   discorso.   Uno   di   questi   è   il   ciclismo   che,   in   particolare   nelle grandi   corse   a   tappe,   richiede   un   impegno   muscolare      decisamente   di   livello   notevole.   Fare   paragoni   col passato,   quando   questi   specifici   massaggi   non   esistevano,   lascia   il   tempo   che   trova   perché   in   tutti   i   casi   si trattava di performance decisamente di  livello più limitato rispetto  ai giorni nostri. Il   massaggio   sportivo   del   resto   viene   praticato   solo      nelle   società   professionistiche,   che   curano   i   loro atleti   profondendo   denaro   e   professionalità,   per      rendere   le   loro   prestazioni   e   le   loro   condizioni   sempre   più all’altezza   delle   aspettative.   Per   ovvie   ragioni,   questo   non   accade   nelle   migliaia   di   società   così   dette   minori, quelle   dilettantistiche,   che   sono   poi   il   vero   serbatoio   dal   quale   attingono   poi   le   società   professionistiche. Questo   è   un   problema,   ma   del   resto   non   potrebbe   essere   altrimenti,   perché   le   risorse   economiche   di   queste piccole   società   sono   ridotte   all’osso,   visto   che   si   reggono   sulla   buona   volontà   e   sui   finanziamenti   personali   dei soci che lo fanno solo ed esclusivamente per passione. Di   conseguenza   i   giovani   sono   poco   seguiti   sotto   questo   aspetto,   con   l’inevitabile   conseguenza   di   andare incontro a traumi muscolari  più frequentemente rispetto ai professionisti. Ma   questo   è   e   del   resto   non   potrebbe   essere   altrimenti.      In   fondo,   per   tutti   gli   atleti,   anche   quelli   che escono   di   casa   per   fare   jogging,   armati   solo   di   buona   volontà   e   null’altro,   sono   proprio   i   muscoli   ad   essere   le prime   vittime,   nel   senso   che   gli   infortuni   più   frequenti   sono      proprio   quelli   che   si   verificano   a   livello muscolare.
S P O R T I V O
libera professione di cui Legge n.04 del 14 Gennaio 2013